La Sezione AIA di Firenze dà il benvenuto a Gianluca Sacchi

Il 22 marzo 2021 la Sezione gigliata ha avuto il piacere di ospitare il collega Gianluca Sacchi della Sezione di Macerata, un ragazzo perbene con forti valori umani quali l’umiltà e la determinazione.
Gianluca fin da subito è riuscito, nonostante lo svolgimento della riunione a distanza, ad instaurare un contatto empatico con l'intera platea, ma soprattutto con i più giovani presenti, che a margine della riunione sono intervenuti con numerose domande e curiosità. 

“Sono molto emozionato di essere qui stasera, una sezione importante alla quale sono legato da ricordi e amici come Niccolò Baroni, con il quale mi alleno quotidianamente, e da Gianluca Rocchi con il quale ho avuto l’onore di condividere un percorso della mia carriera e fare l’esordio in Serie A” 

Dopo l'apertura del Presidente Fabrizio Matteini, hanno salutato la platea il Vicepresidente AIA Duccio Baglioni e il nostro Gianluca Rocchi attualmente Coordinatore della comunicazione nei confronti delle Leghe di A e B. 

la riunione è entrata nel vivo e rivolgendosi soprattutto ai giovani arbitri ha voluto ricordare loro dell’importanza di fare le cose semplici per essere un “grande Arbitro”, come del resto “semplice” è il gioco del calcio. 

Per motivi di connessione, il proseguo della riunione ha avuto un taglio meno tecnico, incentrandosi sull’importanza delle attitudini umane come: la tenacia, la determinazione, il sapersi adattare ai cambiamenti, l’amore e la gratitudine;
Caratteristiche fondamentali sia nell’arbitraggio che nella quotidianità per fare le cose al meglio e raggiungere gli obiettivi prefissati nel breve periodo salendo così gradino dopo gradino, perché il tempo passa troppo velocemente ed è necessario sfruttarlo al meglio. 

Gianluca ha ricordato il forte legame, quasi paterno, con Stefano Farina, un rapporto consolidato durante gli anni di Serie C e Serie B grazie al quale è cresciuto come arbitro e come uomo.
“L’Arbitraggio è sofferenza, vince chi è in grado di sopportate maggiormente più fallimenti possibili e chi dopo una caduta è bravo a rialzarsi” (Stefano Farina) 

Tra i momenti più importanti ha ricordato l’esordio in Serie A in occasione del quale ha sentito la stimolante vicinanza della propria Sezione rappresentata da tanti cari colleghi giunti a Verona per sostenerlo in una giornata speciale. 

Gianluca nel salutare i fischietti fiorentini ha ricordato ai presenti di rimanere sempre umili per continuare ad ascoltare i preziosi consigli delle persone che ci vogliono bene e di non sentirsi mai arrivati perché i momenti di maggior difficoltà arrivano quando diamo per scontato le cose. 

Il Presidente Fabrizio Matteini e tutta la Sezione ringraziano Gianluca Sacchi per la simpatia e la disponibilità nell’aver guidato l’incontro trasmettendo i migliori auguri per il finale di stagione e il proseguo della sua carriera.